fbpx

Abruzzo: Escursioni e Trekking ai tempi del Coovid-19

L’arrivo del coronavirus, questo nemico invisibile e subdolo è stato improvviso e ci ha travolti senza pietà in ogni forma e maniera.
Le nostre vite e abitudini sono state cambiate radicalmente, anche nel fare sport in montagna. Sono cambiate anche i modi in cui viviamo e percepiamo ogni esperienza, anche la più semplice escursione della domenica in famiglia con i bambini.

COSA è CAMBIATO?

Come ci dobbiamo comportare in questa fase due per fare escursioni, trekking e attività in montagna? Prima di tutto, dobbiamo stare ancor più attenti all’abusivismo, controllando sempre che le “guide” a cui ci affidiamo siano professionisti autorizzati. Non ci mettiamo nelle mani all’amico dell’amico che dice di conoscere bene la montagna perché… quell’amico non ha una assicurazione, non ha nozioni e non segue nessuna delle direttive che ci tutelano.

Ma adesso entriamo nel merito delle novità, il vademecum delle azioni e comportamenti che dobbiamo avere.

Sono finiti i tempi della prenotazione all’ultimo momento!
Ci vuole buon senso e organizzazione da parte delle associazioni, guide ma anche dei partecipanti.

REGOLAMENTO di ESCURSIONE IN FASE COVID-19

Al fine di ridurre i rischi di contagio da Covid-19 ma continuare a vivere e condividere le bellezze della natura in sicurezza, ci sono delle nuove regole da seguire… regole che valgono per tutti.

Al momento, il numero di partecipanti sarà ridotto per poter mantenere un distanziamento efficace. 

PRENOTAZIONE E PAGAMENTO

La prenotazione sarà effettuata obbligatoriamente in modalità online o telefonica con pagamento anticipato in via telematica (salvo casi di manifesta impossibilità). Si ricorda che il pagamento in contanti è sconsigliato, per motivi igienici.

UNA PENNA PERSONALE!
Da oggi, anche in escursione, tra le nostre dotazioni ci dovrà essere una penna per firmare il regolamento prima della partenza. Inoltre, durante la fase di registrazione, la guida verifica singolarmente che tutti siano muniti di tutti i DPI richiesti 

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

I partecipanti dovranno avere la mascherina da indossata nei momenti di arrivo, accoglienza, briefing, durante le soste e al momento di incrocio sul sentiero con altre persone anche non appartenenti al proprio gruppo, nonché qualora si debba tossire o starnutire. Ovviamente i guanti, obbligatori in caso di emergenza e gel disinfettante da usare spesso.

COMPORTAMENTO

I partecipanti dovranno attenersi strettamente a tutte le indicazioni che verranno comunicate dalla guida per tutta la durata dell’escursione.

Sarà obbligatorio mantenere una distanza di sicurezza tra i partecipanti, durante ogni momento dell’escursione, in sosta e in movimento. Sarà espressamente vietato inoltre, lo scambio di indumenti e oggetti di ogni tipo (bastoncini da trekking, borracce, cibi, burro cacao, creme, occhiali e qualunque oggetto personale) 

Da oggi è vivamente sconsigliato il CAR SHARING e la classica foto di gruppo troppo vicini. Sarà necessario inoltre, firmare il modulo di regolare svolgimento secondo le direttive governative senza l’esposizione a situazioni di pericolo da contagio Covid-19. 

VADEMECUM PER L’ESCURSIONISTA

NON PUOI PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE SE:

  • Accusi sintomi influenzali come dolori diffusi, febbre, raffreddore, tosse
  • Hai avuto contatti con persone affette da Covid-19 nei 15 giorni precedenti l’escursione
  • Non hai tutti i dispositivi di protezione individuali

PUOI PARTECIPARE ALL’ESCURSIONE SE:

  • Hai preso visione e firmato il REGOLAMENTO
  • Hai tutti i dispositivi di protezione individuale richiesti
    – Mascherina, Guanti e Gel disinfettante
  • Segui e rispetti tutte le direttive oltre che le indicazioni della guida.

    Se non rispetti tutte le disposizioni date dalla guida, quest’ultima può invitarti a lasciare il gruppo e non sarai più sotto la sua responsabilità!!!

    IMPORTANTISSIMO

Se dopo l’escursione (anche qualche giorno) accusi sintomi simil-influenzali e, dopo analisi, scopri di essere positivo al Covid-19, ti chiedo di AVVISARE LA GUIDA  che avrà premura, nel rispetto della privacy, di allertare gli altri partecipanti. È un gesto questo di altissimo senso civico che aiuterebbe a limitare ulteriori contagi.